Domande frequenti

Che cos’è MobilePay?

MobilePay è una piattaforma di pagamento che consente di acquistare Servizi digitali.

Quali sono i punti di forza del sistema di pagamento MobilePay rispetto ad altre soluzioni esistenti oggi sul mercato?

Il nuovo sistema offre vantaggi sia per gli utenti finali che per i merchant.

Per gli utenti finali il nuovo sistema di pagamento e’:
  • semplice Acquisto singolo: in questo caso, così come non è possibile impedire che un mio amico si impossessi del mio telefono e faccia una telefonata o prenda la mia carta di credito e acquisti un bene digitale, allo stesso modo non siamo in grado di prevedere forme assicurative ad hoc nel caso in cui qualcuno si impossessi del mio telefono per fare un acquisto singolo.
  • largamente diffuso Attivazione di un abbonamento: in questo caso, la presenza di sistemi di disattivazione senza costi aggiuntivi ed il self-care renderanno molto semplice la disattivazione di un abbonamento non voluto desiderato.
  • ideale per pagamenti di piccolo importo
  • utilizzabile in modalità cross-platform , cioè sia da telefono cellulare, che da pc e tablet
  • sicuro (non vengono condivise, ad esempio, le informazioni sensibili di una carta di credito)


Il costo per l’acquisto di un bene digitale con MobilePay include il costo di trasporto? Oppure il traffico generato si paga a parte?

Il costo d’acquisto di un bene digitale con MobilePay include solo il costo del contenuto/servizio. Il costo del traffico dati generato dal download/streaming del contenuto stesso dipenderà dal canale di collegamento (mobile, adsl, mobile su Wi-Fi, ect.) e dallo specifico contratto di traffico dati dell’utente.

Ci sono commissioni aggiuntive per i clienti che acquistano attraverso MobilePay?

Non ci sono commissioni aggiuntive imposte dagli operatori. Le decisioni sul pricing del contenuto sono gestite dai merchant.

Ci sono limiti di spesa?

Esiste un decreto ministeriale (D.M. 145) il quale prevede un limite di 15 euro IVA inclusa per singolo acquisto di contenuti digitali.
Per limitare la possibilità di frodi, e’ stata definita l’introduzione di una soglia mensile (indicativamente tra 150 e 200 euro).

Il bene digitale acquistato con MobilePay può essere fruito su più dispositivi? Quali? Il sistema integra il DRM?

Uno dei principi ispiratori del mobile payment e’ proprio la possibilità di fruire del contenuto acquisito in modalità cross platform, cioè su dispositivi differenti (PC, mobile, tablet).
La soluzione implementata dagli operatori, non è una semplice soluzione di billing, ma integra anche un sistema di autenticazione che si basa sul numero di telefono del cliente. Per i merchant che implementeranno questa soluzione integrata, diventa estremamente facile non solo vendere il bene digitale su tutte le piattaforme con la stessa esperienza cliente, ma anche riconoscere il cliente che si presenta su Web, su mobile, su Tablet, su TV dal proprio numero telefonico e sulla base di questo identificativo abilitare la fruizione di servizi premium in modalità cross-platform.

La parte di DRM rientra tra le attività operative gestite dai singoli merchant.

Ci sarà un tracciamento delle transazioni?

Tutte le transazioni saranno non solo tracciate ma, grazie ad un cruscotto di self-care personalizzato, il singolo utente potrà verificare in ogni momento il dettaglio di tutti i propri acquisti (e di tutte le singole transazioni di addebito) così come abituato a fare per la propria carta di credito.

Ci sono forme assicurative rispetto all’uso improprio del credito telefonico? Ad esempio, se lascio il cellulare sulla scrivania e il mio collega mi abbona a Playboy, che succede?

Le tutele legali per il cliente sono le stesse di un qualsiasi strumento di pagamento fisico (carte di credito, bancomat, etc.), laddove la responsabilità della vigilanza ricade sul cliente stesso, il quale può provvedere a bloccare il servizio in caso di furto/smarrimento.

Le modalità di pagamento supportate sono le seguenti:

  • Acquisto singolo: in questo caso, così come non è possibile impedire che un mio amico si impossessi del mio telefono e faccia una telefonata o prenda la mia carta di credito e acquisti un bene digitale, allo stesso modo non siamo in grado di prevedere forme assicurative ad hoc nel caso in cui qualcuno si impossessi del mio telefono per fare un acquisto singolo.
  • Attivazione di un abbonamento: in questo caso, la presenza di sistemi di disattivazione senza costi aggiuntivi ed il self-care renderanno molto semplice la disattivazione di un abbonamento non voluto desiderato.

In ogni caso, nell’evenienza di furto/smarrimento del telefono, tutte le procedure tradizionali per il blocco/sospensione della SIM contribuiranno a limitare il rischio di frodi/acquisti indesiderati.

Sarà facile disattivare un servizio (ad esempio l'abbonamento a Corriere della Sera o Gazzetta dello Sport) così come è facile attivarlo?

I riferimenti ai Call Center dei merchant, permetteranno all’utente di avere visione chiara dei servizi in abbonamento attivi sulla sua SIM e richiederne in maniera semplice la disattivazione.

Quali sono i livelli e gli standard di sicurezza di MobilePay? Non c’è pericolo di clonazione come avviene con i bancomat e le carte di credito?

Gli attuali algoritmi di criptazione in uso nelle SIM offrono un livello di sicurezza paragonabile a quello dei dispositivi di pagamento bancari di ultimissima generazione (carte di credito chip & PIN).

Sempre in tema di sicurezza, utilizzando MobilePay, c’è il rischio che gli smartphone vengano "infettati" da virus informatici?

Il sistema MobilePay, non introduce rischi di infezione differenti da quelli legati al normale accesso in navigazione di siti mobili.

Quale è il ruolo di Engineering e Reply?

Engineering e Reply svolgono sia il ruolo di Hub tecnologico che si interfaccia con l’operatore ed il Merchant mediante un’unica integrazione tecnica. In taluni casi, gestiscono anche direttamente la trattativa commerciale con i merchant stessi per la fornitura dei contenuti digitali.

State andando in rotta di collisione con gli on-line store, come AppStore, Android Market?

Vogliamo offrire una soluzione di autenticazione/pagamento utilizzata sia da singoli merchant che da store/aggregatori. In questa logica, siamo più partner che competitor per gli store.

Quali sono attualmente i metodi di pagamento favoriti da chi desidera effettuare acquisti di contenuti digitali?

Secondo il report "Consumers prefer operator billing for mobile content purchase", recentemente pubblicato da Strategyanalytics, in Europa il 40% degli intervistati ha indicato il credito telefonico quale metodo di pagamento preferibile/preferito per l’acquisto di contenuti fruibili via mobile, seguito da Paypal con solo il 25% delle preferenze, mentre carte di credito e di debito si attestano non oltre il 15% delle preferenze.

Qual è il target ottimale per questo tipo di servizio?

Lo stesso report "Consumers prefer operator billing for mobile content purchase" mostra come la disposizione all’acquisto di contenuti digitali sia maggiore per utenti di età compresa tra 16 e 35 anni. A questa fascia d’età appartengono non solo le generazioni dei giovani professionisti abituati alla rapida evoluzione e all’uso delle nuove tecnologie, ma anche i cosiddetti “internet natives“, giovani nati nella generazione internet, tipicamente sprovvisti di carte di credito, abituati ad accedere ai differenti contenuti tramite strumenti semplici ed immediati. Per questi utenti, la nuova piattaforma di micropagamenti rappresenta uno strumento di assoluto valore.